Benvenuti

Cavallari e la Scrittura: entità che sembrano così diverse, così distanti. Il primo è un luogo, piccolissimo ma reale; la seconda è un`idea, un’immagine astratta dalle infinite iridescenze. Eppure, a ben guardare, finiscono per attrarsi, per avvicinarsi fino a toccarsi, a fondersi in un`unica emozione.

Ciò accade quando un luogo si riappropria della dimensione temporale e diventa ricordo, storia, traccia di un percorso, altalenante percezione del senso della vita. Ecco, allora, che ha fremente bisogno di poesia, come la poesia ha bisogno di quel luogo.

VAI AI RISULTATI DELLA XV EDIZIONE